Porto: ritardi e silenzi del Comune

Livorno in Azione ha più volte denunciato, nei mesi scorsi (leggi qui e qui), i ritardi e i silenzi del Comune di Livorno sulla vicenda della Stazione Marittima e del Terminal Crociere.
Si ha un bel dire dell’integrazione città/porto , ma è a tutti noto che manca ancora – a livello urbanistico – il “Piano Attuativo – UTOE 5C1” dedicato alla Stazione Marittima.
Ci piacerebbe tanto sapere – dalle assessore Barbara Bonciani e Silvia Viviani – a che punto stiamo con gli atti amministrativi. Che cosa si aspetta di fronte ai mancati impegni del Comune per la modernizzazione dell’area?
E’ noto da tempo, poi, che sulla questione pende una vicenda che condiziona il Piano Attuativo. Ci riferiamo alla apposizione di alcuni vincoli da parte della Soprintendenza sulle aree destinate alla Stazione Marittima. Come è noto l’AdSP ha chiesto un riesame da parte della Sopraintendenza  la quale, a sua volta, sollecita al Comune la trasmissione di alcune risposte. A che punto siamo con il chiarimento, da parte del Comune, del quadro vincolistico dell’area in oggetto? Sono state fornite, in modo sollecito, alla Sopraintendenza le risposte più volte richieste? Perché il Comune non risponde?  La giunta Salvetti e, nella fattispecie, le assessore Viviani e Bonciani prestano la dovuta attenzione e la doverosa collaborazione affinché l’osservazione endoprocedimentale della AdSP possa andare avanti?Se si manifestassero ritardi e/o mancanze amministrative che inficiassero lo sviluppo programmato dell’area in oggetto queste sarebbero da ascrivere in modo chiaro ed inequivocabile a Salvetti e ai suoi assessori. 

Massimo Vitrani – Maurizio Bettini (Livorno in Azione)